Impresa donna: il nostro primo target

Share/ Condividi

Le imprese femminili sono in crescita, lo dicono anche gli ultimi dati di Unioncamere. Ora e’ quanto mai necessario fornire un servizio di assistenza a questo tipo di imprenditoria che ha precise peculiarità e problematiche.

Analizziamole insieme.
Reperimento del capitale
Accesso al Credito bancario: per cultura o stereotipo dominante e radicato, sul fronte delle garanzie, le donne si presentano come soggetti “deboli” e quindi fortemente esposti a rating più elevati. Ricorrono meno spesso al credito bancario, e, se ricorrono, e’ per importi poco elevati . Molto spesso utilizzano fonti di autofinanziamento ( o finanziamento di terzi dell’ambito famigliare- amicale). Creano più spesso imprese individuali e quindi piccoli profitti anche per gli Istituti bancari; spesso l’obiettivo dell’impresa donna non e’ neppure il profitto, ma il mero auto- mantenimento.

Deficit di credibilità
Analizzando vari aspetti dell’organizzazione aziendale, l’elemento costante nell’impresa femminile è l’orientamento alla relazione.
La principale negatività che si assegna a queste imprese è la scarsa credibilità, poiché si ritiene che una madre non possa dedicarsi totalmente all’impresa, perché legata agli obblighi che fanno capo alla cura della famiglia e della casa.
Le imprenditrici femminili, nonostante il livello medio-alto di istruzione, spesso non hanno una formazione
specifica nella creazione e gestione di impresa.

Burocrazia
Le donne imprenditrici sono a conoscenza della presenza di forme incentivanti, di forme di garanzia sia
pubblica che europea, ma sono scoraggiate per l’impossibilità di potervi realmente accedere a causa
dell’eccessiva complicazione delle regole burocratiche.
La burocrazia viene avvertita come ostacolante in termini di costi, tempi, risorse da dedicare e fonte di
incertezza e delusione.

Gestione famiglia-impresa
Donna vuol dire soprattutto famiglia… quando e’ IMPRESA e FAMIGLIA e’ per:
o Realizzarsi personalmente e professionalmente
o Portare avanti l’ìmpresa di famiglia
o Crearsi un posto di lavoro non possibile come dipendente e contribuire al bilancio familiare.

Il carico lavorativo e psicologico derivante dalla doppia gestione grava principalmente sulle spalle della donna che, ben spesso, si trova a dover trascurare o peggio scegliere una delle due.

In cosa allora noi supportiamo l’imprenditoria femminile?

Innanzi tutto, essendo SOIP un progetto rosa e quindi profondamente conoscitore delle problematiche e consapevole delle potenzialità inespresse , noi sosteniamo che le donne sono esattamente l’altra meta’ che manca all’imprenditoria italiana, ovvero quella dose di creatività, relazione, affidabilità, responsabilità, cura del cliente, del fornitore e soprattutto del prodotto/servizio di cui si sente fortemente il bisogno oggi….

Il bagaglio che noi consegniamo alle donne imprenditrici quindi consiste soprattutto in conoscenza delle strategie economiche e di marketing, conoscenza ed utilizzo delle fonti finanziarie, organizzazione delle attività ( parallelamente a quelle famigliari), conoscenza ed utilizzo delle principali tecnologie, efficienza operativa della struttura, ma soprattutto una buona dose di fiducia ed energia.

Il nostro punto di forza: i servizi di una donna a servizio di una donna!!!!!!